2013, un anno da coach

on BLOG, career coaching, coaching 15 dic, 2013

2013, un anno da coach

Quest’anno è passato come un fulmine, faticoso e con tante soddisfazioni. Il 2013 è stato l’anno in cui è nato Ismaele Italo, ma anche l’anno in cui ho avuto un incidente stradale e lunghi fastidiosi problemi alla spalla. Credo che, nell’immaginario, un coach dovrebbe parlare solo dei successi e sfoggiare un sorriso brillante e una camicia inamidata altrettanto bianca, da star, tipo… Laissons tomber!

Dicevo di mio figlio e aggiungo una bellissima scoperta: William Faulkner. Antonio Lobo Antunes, lo scrittore che adoro, mi ha indirettamente suggerito Faulkner: mi sono emozionato ed estasiato nel leggere Mentre morivo e L’urlo e il furore. Continuo a preferire Antunes per la sua modernità psicologica, ma Faulkner riesce a trasformarsi di volta in volta in personaggi dotati di linguaggi e sentimenti propri, credibili… semplicemente immenso. Dai tempi della mia prima lettura de Il Giardino dei ciliegi e, anni dopo, de In culo al mondo non vivevo un’esperienza letteraria/umana così profonda.

Degno di nota è stato anche un mio breve viaggio di lavoro in India, che mi conferma la bontà della prescrizione di visitare ogni anno un luogo nuovo, con sguardo aperto. Crisi permettendo, of course. Quella afosissima domenica di immersione totale nella vita di Ahmedabad mi è rimasta dentro.

Ma prima di tutto e di tutti ci sono i miei coachee, che non smetterò mai di ringraziare per la fiducia riposta in me e per i tanti spunti di riflessione e crescita che mi forniscono durante le sessioni di coaching. Sono veramente fortunato ad incontrare clienti così ricchi di risorse e sono loro profondamente riconoscente.

ReD, l’azienda nella quale profondo impegno e passione, sta facendo un rapido e prevedibile salto di qualità; nel 2013 tanti cambiamenti, tante persone incontrate e decine e decine di clienti intervistati, vari progetti da lanciare, il privilegio di incontrare il Governatore dell’Abruzzo. Insomma: un grande fermento. E, inoltre, un progetto a favore dei detenuti è ormai in fase di lancio; ne parlerò presto.

Il 2014? Farò di tutto perché sia un anno all’insegna del cambiamento, del coaching e della soddisfazione. All’orizzonte, progetti e premesse molto interessanti…

Per il momento, tanti auguri ai miei lettori di Buon Natale e Buon Anno; ci ritroviamo qui a metà gennaio con un nuovo post.
Cari saluti,

  

  

  

  

  

Leave a Reply